Senza categoria

Tony Goldwyn e Shonda Rhimes sempre in prima linea per Hillary

Serata di chiusura ieri alla Convention Democratica con Shonda e soprattutto Tony Goldwyn ancora protagonisti con due video introduttivi narrati in prima persona, diretti e prodotti.
Il primo video, che ha aperto la serata e che Tony come protagonista, è stato girato nell’Assembly Room dell’Independence Hall che Tony stesso ha definito nel video come ”La culla della nostra grande nazione”. “Qui è dove i Padri Fondatori si sono riuniti per sentirsi liberi e dichiarare che qui in America, dobbiamo avere il controllo del nostro destino, che ognuno di noi ha diritto alla vita, alla libertà e al perseguimento della felicità”. Quattro minuti di video dove Tony è sembrato dare una vera e propria lezione di storia ricordando tra le altre cose che qui è stata elaborata anche la Costituzione.

Il secondo invece, un video di 12 minuti, creato da Shonda Rhimes narrato da Morgan Freeman e diretto da Tony Goldwyn narra la vita Hillary Clinton e ha introdotto la candidata ieri sera alla Convention Democratica prima del suo discorso di chiusura.

Tony Goldwyn alla DNC: “Possiamo cambiare il mondo”

13669153_10154188141470590_8108760198766060613_nIl nostro Tony Goldwyn non sarà POTUS nella vita reale ma un discorso polito in grado di ricevere una standing ovation lo sa fare eccome e ieri alla Convention Democratica ne sono stati tutti testimoni.

La star di Scandal ieri infatti è salita sul palco della DNC che si è tenuta a Philadelphia per supportare la sua amica Hillary Clinton e più in generale il partito democratico che da anni sostiene. Nel suo discorso ha introdotto il “Mothers of the Movement”, di cui fanno parte le madri di Trayvon Martin, Eric Garner, Michael Brown e di altri Afro-Americani le cui morti hanno alimentato il movimento Black Lives Matter di cui soprattutto ultimamente si sente molto parlare in America.

“Hillary Clinton ha parlato di Nelson Mandela, di quando ha abbracciato i suoi ex carcerieri perché non voleva tornare in prigione una seconda volta” ha esordito l’attore, prima di parlare del suo impegno con l’Innocence Project e prima di introdurre un video DNC intitolato “She’s with us” e il Mothers of the Movement. [continua a leggere]

Primo table read della stagione e titolo della 6×01 svelato

Scandal, come già annunciato, non ritornerà prima del 2017 ma il cast già ieri è tornato sul set per la lettura del copione della 6×01. Tony ha iniziato la giornata con una Facebook live fatta dal suo profilo Facebook, poi una serie di foto e video tra qui una foto postata su instagram da Cornelius che ci rivela anche il titolo in anteprima “Survival of the Fittest”. Le riprese stando a quanto detto da alcuni membri della crew su twitter dovrebbero iniziare mercoledì e Tom Verica, regista e produttore esecutivo, oggi alle 21.00 ore italiana farà un #AskTom su twitter dove risponderà alle domande e alle curiosità dei fans.

13658935_997905160325199_1801307163230355609_n

Come ad ogni ritorno sul set, il cast ci ha regalato video e scatti a ripetizione, vi posteremo di seguito alcuni di essi ma potete trovare tutto sulla nostra pagina Facebook Scandal Italia: It’s Handled [continua a leggere]

Emmy 2016: Kerry in nomination per Confirmation

rs_1024x759-160108065656-1024.kerry-washington-confirmation-hbo.ch.010816Per Scandal lo scorso anno non era stata nominata, ma lo nostra Kerry Washington quest’anno torna in lizza per un Emmy dopo aver vestito i panni di Anita Hill nello splendido film Confirmation. Nella categoria LEAD ACTRESS IN A LIMITED SERIES OR MOVIE in quesi contenderanno il premio con Kerry le seguenti attrici:
Kristen Dunst (Fargo); Felicity Huffman (American Crime); Audra McDonald )Billie Holiday: Lady Day at Emerson’s Bar & Grill); Sarah Paulson (The People V OJ Simpson); Lili Taylor (American Crime).
Oltre a Kerry per quanto riguarda Confirmation la nomina è stata ottenuta anche del film stesso nella categoria di appartenenza. La 68º cerimonia degli Emmy Awards avrà luogo il 18 settembre. Congratulazioni a Kerry e speriamo in una statuetta perché se lo merita.

Scandal ritorna ogni giorno su RAI4

456926_408798922483229_1031069845_oBuone notizie per chi volesse rivedersi Scandal: Rai4 lo trasmetterà dalla prima stagione a partire da venerdì 17 giugno alle ore 19:55 con un appuntamento giornaliero. Vi ricordo inoltre che la 5 stagione sta proseguendo su FoxLife ogni martedì alle 21.00.

Ridotta la 6° stagione: avrà solo 16 episodi e ritornerà nel 2017

Schermata 2016-05-03 alle 11.20.23È ufficiale, Scandal la prossima stagione non avrà 20 e più episodi come al solito ma solo 16. Il motivo? La gravidanza di Kerry Washington. O meglio, questa ovviamente è la versione ufficiale ma avessero dovuto farlo o meno diciamo che all’ABC non dispiace molto visto che stanno cercando di ridurre il budget in qualunque serie e in ogni modo. Quindi si, la gravidanza di Kerry ha influito e ha fatto prendere questo tipo di decisione ma sicuramente per l’ABC non è una cosa totalmente negativa. I dettagli su quando potrebbe andare in onda non ci sono, ma si parla sicuramente di 2017, probabilmente gennaio.

AUDITEL: Scandal risale ma è un 44% in meno dalla premiere

tumblr_mc0sabTg9J1r0oeono1_500La quinta stagione di Scandal si chiude senza il botto finale che a livello di ascolti aveva caratterizzato le stagioni precedenti. C’è stato un aumento ma troppo poco per un finale di stagione: con la 5×21 “That’s My Girl” infatti si registrano 6.66 milioni di telespettatori contro i 6.06 della 5×20, coi ratings demo 18-49 che salgono da 1.5 a 1.8. Se si tiene conto inoltre che i dati del finale solitamente sono simili o addirittura superiori a quelli della premiere, nel caso di Scandal il calo è piuttosto rilevante visto che la 5×01 contava 10,2 milioni e un 3.2 nei ratings e quindi rispettivamente 35% e 44% in più rispetto a questo season finale.

5×21 “That’s My Girl” Sneak Peek 1 SUB ITA (Season Finale)

5×21 “That’s My Girl” Promo (Season Finale) SUB ITA

Auditel: piccolo calo

tumblr_mc0sabTg9J1r0oeono1_500Di poco ma gli ascolti tornano a scendere: con la 5×20 “Trump Card” infatti si registrano 6.06 milioni di telespettatori contro i 6.25 della 5×19, anche i ratings demo 18-49 scendono di un punticino, 1.5 contro l’1.6 della puntata precedente non raggiungendo però fortunatamente i minimi storici come due puntate fa. I dati comunque non sono bellissimi considerando che un telefilm che si avvicina al finale di stagione dovrebbe vivere il momento di maggior popolarità della sua intera stagione.