Recensioni

RECENSIONE 7×02 “Pressing the Flesh”

Schermata 2017-10-14 alle 20.00.41

È passato un po’ di tempo dall’incursione degli USA in territorio nemico ma il presidente del Bashran non sembra essere intenzionato, almeno inizialmente, a lasciar correre sulla vicenda della spia americana .
Come affermato da Olivia nello scorso episodio, la mossa di Jake e Mellie avrebbe avuto ricadute politiche fra i due paesi e questa cena di stato ha rivelato l’inevitabile. L’incursione fatta dalla presidenza Grant per eliminare la risorsa americana ha fatto sì che il Bashran si rendesse conto di essere spiato da un paese con il quale, in teoria, doveva siglare un’intesa storica. E infatti, tutto questo secondo episodio ruota attorno a una delle cene, ma soprattutto degli accordi, forse più importanti per l’amministrazione Grant: l’accordo sul nucleare. [continua a leggere]

RECENSIONE 7×01 “Watch Me”

Schermata 2017-10-07 alle 14.43.01

Ieri, mentre aspettavo di guardare la puntata, ho pensato a una frase che, il primo giorno di quinta superiore, i miei compagni dicevano spesso: “questo è il nostro primo ultimo giorno di scuola”. Mi è tornato in mente questo episodio perché ho pensato lo stesso aspettando Scandal: “Questa è la nostra prima ultima puntata di Scandal”; è difficile da pensare e ancora più da scrivere ma così è ed ogni puntata, ogni giovedì, ci porterà sempre più vicini alla fine di questo telefilm.
Sono passati 100 giorni dall’insediamento di Mellie e sembra che la squadra presidenziale stia cercando di ingranare. Dopo pochi mesi, infatti, la presidenza targata Grant è riuscita a far passare una legge che è fondamentale per entrambi i partiti: l’accesso gratuito al college. Inizialmente non è stato semplice convincere i senatori indecisi, Olivia ha dovuto sfoderare, in stile fixer, una delle sue famose buste scandalose ma alla fine la prima vittoria in Campidoglio è stata portata a casa. [continua a leggere]

RECENSIONE 6×15 e 6×16 (Season Finale)

Schermata 2017-05-21 alle 17.18.17

Tick, tock, tick, tock: come ogni anno in questo periodo, eccomi qui a scrivere l’ultima recensione di questa stagione. Bella, brutta, intensa o noiosa, ogni anno da ormai sei anni Scandal ci tiene compagnia e devo ammettere che, ogni finale di stagione, mi lascia sempre con qualche “vuoto”. Sono consapevole che questa è un’assenza momentanea, che dopo qualche mese i miei telefilm torneranno a farmi compagnia come ogni settimana, ma questo non cambia la sensazione provata appena conclusa la puntata.
Questo finale è stato intenso in molti modi differente: due puntate consecutive, una scoperta sconvolgente sulla nuova VP, un presidente che saluta lo studio ovale e uno nuovo che vi entra.
Il finale di stagione di due ore ha permesso a Shonda di farci scoprire chi vi fosse, realmente, dietro l’assassinio di Francisco Vargas. [continua a leggere]

RECENSIONE 6×14 “Head Games”

Schermata 2017-05-14 alle 14.02.34

Pian piano ci stiamo avvicinando sempre di più al finale di stagione e, con questo, anche alla fine della presidenza Grant. Se fino ad oggi ancora non avevamo toccato con mano il “dopo” Fitz, con questo episodio Shonda ha deciso di iniziare a guidarci verso la transazione presidenziale ormai prossima. Infatti, mentre da una parte troviamo una Mellie che organizza la sua squadra di governo, dall’altra abbiamo Fitz che si vive i suoi ultimi nove giorni dentro quello studio ovale, che inizia a tirare le redini delle sue vittorie e delle sue sconfitte ma, soprattutto, che capisce di cosa si vorrà occupare dopo: giustizia nei processi. [continua a leggere]

RECENSIONE 6×13: “The Box”

Schermata 2017-05-06 alle 17.54.11

Con la puntata di giovedì abbiamo visto chi, fra Peus e gli avversari, ha finalmente vinto la guerra.
Il dream team si è aggiudicato la vittoria lavorando di squadra; ognuno ha collaborato all’aggiunta di nuovi tasselli e ha contribuito alla riuscita di questa difficile missione.
In queste stagioni abbiamo visto più volte gli OPA o la WH combattere delle battaglie all’ultimo sangue ma questo avversario si era dimostrato particolarmente abile, riuscendo ad incrinare persino la fermezza di Eli Pope. Già molti di noi, nello scorso episodio, avevano notato che in questa circostanza Rowan non sembrava nemmeno lui, non è nel suo carattere tirarsi indietro o farsi mettere i piedi in testa da qualcuno; ha sempre rivendicato fortemente la sua indipendenza e la sua libertà quindi tutti noi eravamo stupiti nel vederlo così servile nei confronti di Peus e giovedì, finalmente, il mistero è stato risolto. [continua a leggere]

RECENSIONE 6×12 “Mercy “

Schermata 2017-04-29 alle 20.14.07

La scorsa puntata si è conclusa con Rowan all’interno dello studio ovale, prelevato da Fitz per poterlo tenere sotto la sua custodia, per proteggerlo mentre lui ed Olivia escogitavano un possibile piano per sbarazzarsi di Peus e della bionda.
I due “sconosciuti” continuano a imporre le loro scelte sia a Mellie che ad Olivia ed entrambe, soprattutto sul finale, eran ben disposte nell’iniziare a combattere.
Ma se, quantomeno inizialmente, Mellie sembra più impaurita che combattiva, questo non vale per Olivia che sembra convinta, sin dal primo momento, a voler sconfiggere Peus e la sua banda.
Olivia però è consapevole che, per poter non solo iniziare ma anche vincere una battaglia, non si può combattere da soli, quantomeno non questa guerra, c’è bisogno di tutto l’aiuto possibile e quindi tutti i componenti più influenti della vecchia e nuova WH devono riunirsi per decidere la linea da tenere.
[continua a leggere]

RECENSIONE 6×11: “Trojan Horse”

C98ee9wWsAAhjlq.jpg-large

Dopo il piccolo stacco del 100esimo episodio, eccoci ritornati a dove eravamo rimasti due settimane fa: OPA e WH alla ricerca di giustizia.
Sì, perché di questo si tratta, ripristinare giustizia, rimettere al suo posto la persona che Francisco Vargas ha scelto come suo compagno di squadra ma anche, nelle peggiore delle ipotesi, come suo successore nello studio ovale: Cyrus Beene.
Le accuse contro di lui sono state ritirate e se inizialmente il problema poteva essere soltanto quello di ripulire la sua immagine a livello pubblico, in un secondo momento se ne aggiunge un altro: Mellie Grant. [continua a leggere]

RECENSIONE 6×10: “The Decision”

Schermata 2017-04-15 alle 21.26.14

Finalmente il 100esimo episodio di Scandal è arrivato e siamo riusciti, almeno per questa settimana, ad allontanarci dall’assassinio del povero Francisco Vargas. Sì, perché come già era stato più volte anticipato, per questa puntata numericamente importante Shonda ha deciso di non trattare la realtà presente ma di presentarci un “If/Then”, una realtà alternativa.
Tutti noi, almeno una volta nella vita, ci siamo chiesti come sarebbero andate le cose se avessimo fatto o meno quella determinata cosa, se avessimo agito o meno in quel modo, e in questo episodio è proprio Olivia a porsi questa domanda. La nostra fixer si chiederà come sarebbero andate le cose se, quella sera di 8 anni fa su quell’aereo, lei invece che dire “sì” avesse risposto “no” alla proposta di Hollys Doyle.
Perché proprio Defiance? Perché per Olivia, come anche per Fitz, le elezioni truccate sono sempre state il macigno che in questi anni si sono portati dietro, è sempre stata la colpa per la quale loro dovevano, in un qualche modo, redimersi. [continua a leggere]

RECENSIONE 6×09: “Dead In The Water”

Schermata 2017-04-08 alle 17.23.06

“Where is Huck?”: questa è la domanda che ha occupato la mente dei nostri gladiatori per l’intero episodio. Infatti, subito dopo aver accertato che qualcosa non andava, gli OPA hanno iniziato immediatamente le disperate ricerche per ritrovare il loro genio dell’elettronica, il loro amico “strano”, il membro della loro famiglia.
Mentre nello studio di Olivia Pope qualsiasi ex membro della famiglia si presentava per prestare aiuto, nel frattempo Huck si aiutava pensando proprio a loro, pensando alla sua unica e vera famiglia. Per uscire da quella macchina, per trovare la forza di mettere in moto la sua straordinaria mente, Huck non ha pensato a nient’altro se non ai suoi amici e al modo per tornare da loro. Nonostante il momento di difficoltà, nonostante si trovasse metri sott’acqua e rinchiuso in un bagagliaio, è riuscito a salvarsi soltanto pensando a loro, riflettendo assieme a loro sul modo per poter uscire da quell’inferno che ormai lo stava soffocando. Le loro chiacchiere e le loro discussioni seduti a quel tavolo, i loro strumenti per risolvere i problemi e la loro unione sono diventati ormai la forma mentis di Huck: loro ci sono anche quando non ci sono, lui sa che può contare su di loro, sulla loro presenza in qualsiasi circostanza. [continua a leggere]

RECENSIONE 6×08: “A Stomach for Blood”

C8OBdQ-VYAA1j9g

C’è chi ha stomaco per il sangue e chi invece non ce l’ha. Dopo questo episodio sono convinta che Abby non ce l’abbia, ci prova, ma per fortuna non è “quel” tipo di persona.
Le puntate precedenti continuavo a rimanere sconvolta dall’atteggiamento di “red” perché non la riconoscevo, non mi capacitavo di come un personaggio che per cinque stagioni era stato in un modo ora, di punto in bianco, fosse diventato tutt’altro. Continuavo a domandarmi cosa fosse successo, perché Shonda avesse trasformato in modo così radicale uno dei miei personaggi preferiti e finalmente, venerdì notte, ho avuto le mie risposte. Con questo non voglio affermare che Abby sia sempre la stessa o che in queste stagioni il suo personaggio, nel bene o nel male, non si sia evoluto, ma sicuramente dopo questo episodio ho più conferme positive su di lei rispetto a qualche settimana fa. [continua a leggere]